Benno Rutz

Benno Rutz nasce a Widhaus (Cantone di San Gallo, Svizzera) il 14.4.1870 e muore a Falzes (Alto Adige) il 30.6.1939. Nel 1889 entra nel seminario vescovile St. Lucius a Chur (Cantone dei Grigioni, Svizzera) e nel 1893 viene ordinato sacerdote. Oltre che agli studi teologici, si dedica molto presto allo studio della musica sacra a Regensburg e San Gallo. Trascorre alcuni anni come cappellano a Henau (Svizzera), anni durante i quali si reca alcune volte in Italia. Nel 1901 entra nell’Abbazia dei Canonici Regolari di S. Agostino, nel 1902 diventa Regenschori (termine non traducibile: supponiamo si tratti del direttore del coro), nel 1906 esprime la propria solenne professione, ovvero l’ultimo passo del candidato al sacerdozio. Accanto alla cura delle anime (dal 1934 è parroco di Falzes) coltiva per tutta la vita gli interessi musicali, come compositore, insegnante e maestro di cappella e si cimenta anche come storico. Come compositore si distingue soprattutto con opere di musica sacra, nelle quali egli preferisce uno stile semplice e popolare, conforme a quello della scuola di Regensburg. Delle sue oltre 100 composizioni, che rappresentano essenzialmente il genere musicale dell’epoca, solo poche sono state pubblicate (alcuni canti a Maria, canti per processioni per fiati, 2 vespri) La sua opera più famosa è un singspiel (intraducibile) patriottico “Die Perle Österreichs” (La perla austriaca) musicando il testo di F. Prast, che fu cantata per la prima volta a Novacella nel 1905 e che ebbe localmente una grande diffusione.

(Le notizie su “Benno Rutz” sono state cortesemente fornite dalla Biblioteca Civica C.Battisti Bolzano)

This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *